“Animali estremi” V.M. 18

Ecco alcune delle chiavi di ricerca utilizzate dalle persone finite su Tibten che mi hanno più colpito nell’ultimo mese. Premetto che la quasi totalità vertono intorno a: piedi, porno, piedi di Barbara d’Urso.

Iniziamo con porno antenati, per chi è stanco dei soliti alberi genealogici, passando a porno casadei, per chi invece è del liscio che si è stancato, fino ad arrivare a porno cinesi zingari per chi dentro di sé è combattuto tra perversioni erotiche e xenofobia. Colpisce anche l’apparente ossimoro che caratterizza una ricerca come asessuale porno, la confusione mentale che sta dietro ad asini asessuali,mentre mi incuriosisce porno forza 7: che il classico gioco da tavola della mia infanzia abbia fatto progressi negli ultimi anni? Di certo non molto aggiornato è colui o colei che ha digitato su Google siti porno free urss, mentre seriosità e un certo intellettualismo contraddistingue una ricerca come scrittura simbolica porno, oppure razza nera tradizioni porno sex, ricerca dalla quale traspare un chiaro interesse antropologico, anche se schiacciato da impulsi più immediati. Fortunatamente in rete c’è un sacco di gente che ancora si vuole divertire. Uno di questi è sicuro colui, o colei, ha cercato immagini di cazzi divertenti. Passino pure i cazzi divertenti e i cazzi coreani(una delle query maggiormente rappresentate), ma trovo francamente eccessiva la ricerca annunci deridere cazzetti, sebbene, per restare in tema di ricerche eccessive, il premio per la ricerca di cui facevo davvero a meno va non tanto a come accedere gratis a visioni di sole femmine, ricerca un po’ sessista, ma comunque piuttosto poetica, bensì a porno gratis con clistere ad animali estremi. Sapevo di sport estremi, di pratiche estreme, di estremi rimedi, di estremi dell’assicurazione, ma davvero di animali estremi è la prima volta che sento parlare. E perché mai applicargli un clistere? Sarà per la vita dissoluta (estrema) che conducono? Mah! Altro discorso merita, invece, la ricerca Google porno. Che possa esistere un Google alternativo, dedicato ai/alle soli/e amanti della pornografia? Mi immagino Doodle interattivi su Siffredi, su Jhon Holmes, su Selen, sui vari registi, sceneggiatori, costumisti, innovatori e cultori di particolari posizioni. Che ne so: “oggi è il 50esimo anniversario della prima pecorina a colori”, “oggi è l’anniversario della nascita di Moana Pozzi”. “Oggi invece ricordiamo”…boh….aiutatemi voi, io non sono molto ferrato sull’argomento!

 

Ciao…

 

 

 

 

Annunci

Il sesso è tabù, la sessualità è ok. Quello che Google non vuole farci vedere.

Il titolo di questo articolo racchiude un po’ il senso di come “ragiona” la funzione completamento automatico di Google.  Da qualche tempo, infatti, Google ha sviluppato questo servizio, un algoritmo che si attiva durante la digitazione ed è in grado di prevedere e visualizzare le query di ricerca in base alle attività di ricerca degli altri utenti e ai contenuti delle pagine web indicizzate su Google. Tradotto in soldoni è quel meccanismo che vi consente di schiacciare una F e leggere sulla barra Facebook, schiacciare la Y e vedervi suggerito Youtube, digitare “Nie” e vedervi apparire il modo corretto di scrivere il nome di un famoso filosofo tedesco.

Trattandosi di un algoritmo, di una cosa fredda insomma, questa funzione si basa su numeri e non sul valore. Quantità dunque, non qualità! Per questo non meravigliatevi se Stefano Mauri viene prima di Stefano Benni, la Gerini prima della Cardinale, Vacanze di Natale molto prima di Vacanze romane mentre sognare topi o serpenti precederà sognare di essere incinta

Penserete che è ok, che non vi è nulla di strano, che è il mercato che fa le leggi e queste bisogna accettarle facendo buon viso a cattivo gioco. E invece non è così. O almeno non è sempre così. Questo liberalissimo strumento tanto liberale non lo è, perché, di fatto, c’è tutta una serie di parole che non vi verranno mai suggerite. Non è che ho scoperto l’acqua calda. Google afferma in maniera esplicita che vengono escluse un gruppo limitato di query di ricerca a contenuti pornografici, di violenza, di incitamento all’odio e relative alla violazione del copyright.

Come funziona questo filtro? Mentre digitate vi appariranno suggerimenti diversi a seconda di quello che state scrivendo, ma se incappate in query non gradite Google smetterà di suggerirvi alcunché e vi lascerà soli. Insomma Google vi assiste fino a POR- con portaportese, porta di roma, porta dello studente, ma se aggiungete una N, digitando PORN, ecco che si ammutolisce. Stessa cosa accade con BOCCHIN (con buona pace di Italo), con SCOPAR, con MERDA, con ORGAS. Il tabù dell’incesto paralizzerà Google a INCES, quello del latino a FELLA, l’igienismo a SCOPA, mentre se desiderate sapere qualcosa sul sesso di gruppo sappiate che non andrete oltre Orgoglio e Pregiudizio (che coincidenza eh?).

Certo possiamo ragionare su quanti preziosi bambini vengono ogni giorno tutelati con questo meccanismo, considerare che purtroppo nel mondo esistono un sacco di laziali o consolarci al pensiero che Madonna di Campiglio dà una pista alla Madonna di Loreto (una pista… )

Eppure ci sono altre cose che non mi tornano. L’ipocrisia, innanzitutto, o la modernità se volete, di questa funzione che omette di rendersi complice di quello che trova disdicevole, fatto che non preclude, però, la fruizione del servizio. Se scrivo PORNO e schiaccio ENTER non è che Google non completi la ricerca. Il servizio me lo offre ugualmente, solo, come dire, se ne lava le mani, si gira dall’altra parte.

L’assurdità di vedere cancellate parole di uso comune come vibratore o pedofilia o scopare, sintomo della percezione di internet come luogo di perdizione e peccato. L’assurdità di ritenere possibile la sessualità senza il sesso. Il fatto che molti personaggi vengano ignorati, come Ilona Staller (alias Cicciolina) eletta democraticamente nel 1987 in libere elezioni in uno stato libero, ma indegna di figurare tra le cose che potrebbero interessare un utente di Google, forse perché ritenuta capace di deviarne la moralità o, come credo, semplicemente colpevole di poter macchiare l’immagine di una società che deve mostrarsi friendly a tutti i costi e non perde mai occasione per farlo.

In quest’epoca nella quale spesso si considera reale qualcosa o qualcuno a partire dalla sue presenza sulla rete e non viceversa certe dinamiche fanno riflettere…

“Porno la Mussolini con negro”

Se avessi saputo che WordPress ti mostrava le esatte parole digitate su Google dalle persone che sbarcano sul tuo blog avrei aperto un blog molto tempo fa. Ho già scritto un post a riguardo, spinto dal gran numero – e dalle grandi risorse lessicali – dei feticisti del piede, dei quali, a causa di questo post (molto divertente tra l’altro), posso vantare una decina di esemplari circa al giorno che arrivano su Tibten.

Stavolta mi concentro su altre 5 ricerche molto singolari che da qualche giorno stuzzicano la mia fantasia. Per l’occasione mi sono divertito a mio volta a provare a digitare su google queste frasi e vi riporterò anche un feedback dei risultati principali ; )

1 “porno la mussolini con negro” Che frase! Chi può avere interesse a cercare una cosa del genere ammesso che esista? Quel “con negro” (come fosse un accessorio) sta ad indicare che trattasi di una persona di non proprio larghe vedute. Ma allora perché tirare in ballo Alessandra Mussolini? Desiderio o livore? Semplice curiosità? Google non fornisce grandi risposte nonostante i tanti risultati (4160000)… chissà…!

2  “cosa porta da bere alfred tutte le mattine a bruce wayne quel bicchiere verde” Questa ricerca non so a voi ma a me mette tenerezza, sembra quasi una domanda che una persona potrebbe fare ad un suo amico. È poco adatta ad essere utilizzata come chiave di ricerca ed infatti digitandola su Google non si arriva a molto, solo 98 risultati di cui Tibten è il sesto.

3 “qualcuno di voi ha fatto uno stage in findus?” Per la serie quando la realtà supera la fantasia. Nel mio primo post ironizzavo su uno stage in Findus e potete immaginare le risate che mi sono fatto quando è comparsa questa frase nella lista delle chiavi di ricerca. Anche qui l’utilizzo del servizio è improprio, proprio non si capisce a chi si rivolga l’utente che ha dato in pasto a Google tale domanda. Essendoci la parola stage, però, i risultati sono stati numerosissimi, 63100000, e, anche se a prima vista non si parlava di Findus non diffido del fatto che l’utente abbia trovato quello che cercava o qualcosa di comunque utile. Ah, il fascino del Capitano!!!

4 “foto di cazzi coreani” Perché? Perché? E ancora perché? 212000 risultati su Google. Che ci sia un interesse scientifico dietro questa domanda?

5 “è quello della lola sesso” Qui temo che la scienza non ci possa venire in aiuto…ci sono cose domande, dopotutto, delle quali è forse meglio non conoscere le risposte… nemmeno quelle che ti darebbe comunque Google!

Il Buce in una delle sue pose classiche

Asessuali! Quando a tirare di più è un carro di buoi.

Un’immagine, forse meglio di tante parole, aiuta a descrivere il modo di rappresentarsi degli asessuali. È quella che si trova sull’Homepage di asessuali.it e raffigura una donna che si gode i raggi del sole distesa in un bel campo di margherite con le mani intrecciate dietro la testa. È un’immagine che comunica serenità, pace, armonia e sono sicuro che sia stata scelta proprio per ribadire che la condizione di asessualità, cioè di chi non prova attrazione sessuale, sia da attribuire ad una particolare condizione “naturale” della persona e non al risultato di imposizioni, scelte di vita, traumi fisici o psicologici. Tutto qui? Certo che no!  Il movimento degli asessuali AVEN (Asexual Visibility and Education Network) è nato ufficialmente nel 2001 ad opera David Jay e, come recita l’acronimo, si prefigge di dare visibilità agli asessuali e favorire l’educazione alle tematiche che li riguardano. Non sono moltissimi, si riconoscono parte del grosso paniere Queer e, anche a ragione di ciò, hanno partecipato all’ultimo World Pride a Londra, in tenuta viola (insieme al nero e al grigio i colori simbolo degli asex) e distribuendo preservativi sui quali era scritto da una lato”Have our condoms, we don’t need them!”, mentre dall’altro “Fact: some asexual people do actually engage in sex” a cui seguiva un invito a visitare AVEN, invito che rivolgo anche a voi (esiste anche il forum italiano) perché di sicuro non riuscirò a fugare ogni vostro dubbio attraverso questo post.

La bandiera ufficiale del movimento Asex, sulla quale è impresso uno dei tanti slogan divertenti che solitamente utilizzano.

Già, perché di dubbi è facile farsene venire, anche perché la definizione di asessuale non aiuta molto a comprendere poi, cosa significhi essere asessuale nella vita di tutti i giorni. Ma andiamo per gradi…

Immagino che vi starete chiedendo: “Ma insomma, questi asessuali fanno sesso o no?” Beh, la risposta più corretta a questa domanda è: “Dipende!” Quello che mi sembra di aver capito è che, sesso o non sesso, questo ha poco a che vedere con il riconoscersi o meno asessuale. In poche parole un asessuale può anche fare sesso per una serie di ragioni (per venire incontro al partner, per conformarsi, per riprodursi) ma diciamo che non è da esso attratto (anche se non significa necessariamente che tale atto non gli procuri piacere fisico) e tendenzialmente saranno altri elementi e altri comportamenti ad essere rilevanti nel loro modo di vivere e concepire la vita di coppia. Già, perché a parte alcune eccezioni, i cosiddetti asessuali aromantici puri, gli asessuali si innamorano ed instaurano relazioni sentimentali (eterosessuali o meno) così come tutti i “sessuali”, solo che, a differenza di questi, moltissimi di loro preferiranno un pezzo di torta piuttosto che rotolarsi sudati tra le lenzuola con il loro partner. “Cake is better than sex” è, non a caso, uno dei motti del movimento asex ed una fetta di torta viene simbolicamente offerta nel forum di Aven a tutti i nuovi iscritti. Per adesso mi fermo qui, vi lascio ad una breve selezione di frasi divertenti che ho raccolto spulciandomi i forum asex italiani… In fondo trovate altre piccole considerazioni e qualche timida riflessione… ovviamente (questa precisazione vale per tutti i miei post) non c’è alcuna intenzione di ridicolizzare tale fenomeno, ma solo di guardarlo con un po’ di ironia.

Buona lettura…

Incoscienza

Io sono anni che faccio coming out senza saperlo!

(honeybee)

Percorsi di vita

prima mi consideravo un pansessuale un po’ reticente xDD Poi ho aperto gli occhi grazie agli admin della mia pagina Poker Ace

(Unamuno)

“Resti in linea, controllo e torno subito da lei”

Eccomi, io dovrei essere se non sbaglio omo-demisessuale,

(Atari79)

Il battesimo

Io ho dato un nome alla mia condizione circa un’anno fa cercando su google frasi del tipo ” mancanza di desiderio sessuale”

(Franchino)

Precisazioni

Io ho sospettato di essere asessuale PRIMA di scoprire l’esistenza della demisessualità.

(Manny)

Aggiornamenti

Leggendo quanto scritto da Kit, sono asex demiromantica, non romantica come credevo. Ora lo scrivo nel profilo

(Chiara78)

Riconoscersi dopo mesi

Ma che bello, manco qualche mese e spunta finalmente un’etichetta che mi piace

(Mustapha89)

Andare per esclusione

questa è la mia situazione a metà, non so se da grey, da semisessuale, ora ho appreso che c’è anche una categoria definita demisessuale, ma è già tanto aver capito che non sono asessuale e non sono sessuale

(enemyofthesun)

Gli altri cristiani di Cristo

Gesù Cristo è molto meno chiuso di me perchè ha dichiarato: “E ho altre pecore che non sono di quest’ovile; (…).” Gv 10,16 Ma suppongo che parlasse delle altre confessioni cristiane.
(Helga)

Strapazzami di coccole

sono dell’avviso che anche il sesso orale FATTO IN UN CERTO MODO, non configuri appunto una forma sessuale, ma una forma di coccola

(MaTrixa)

Qualcuno chiami i soccorsi

quando un mio carissimo amico si è presentato davanti a me con la fidanzata mi sono sentita tradita, presa in giro, dispersa…

(Nyma)

Posizioni

Credo che il VERO amore è quello che va al di sopra del sesso!

(Non so)

Satira asex

ci sono molti sports davvero divertenti, non noiosi e sgradevoli come il bunga bunga
(Helga)

Dove c’era Martini…

oggi, qnd al tg hanno parlato della morte del Card. martini e delle sue posizioni pro contraccettivi….ecco mi è venuta una rabbia immensa (…) perchè davvero mi fa rabbia pensare che il 50% del pensiero comune sessuale è appunto il sesso

(AsuKa)

Vecchi

Io trovo profondamente ingiusto che i vecchi NON perdano il desiderio sessuale
(Sidhe)

Un corpo, una testa

Per il resto guardo il corpo delle persone come un qualcosa che si può disegnare o meno. Ma la vera autentica estetica per me è il cervello a cui tendo ad assegnare un corpo e cioè un corpo per ogni cervello, per ogni mente.

(Schutzengel)

La tavola

ora mi piace farlo, ma cmq mai come mi piace mangiare una tavola piena di torte al cioccolato

(Asuk)

Quello che deve distinguersi ad ogni costo

…Che tristezza…io sono asessuale e non posso mangiare torte…

(Blueberyl)

Problemi ad esprimersi

e ma cuando trovo altra gente cuando provo a esprmermi cioe e come se avessero bo pregiudizi cioe e brutto

(Clara94)

– Asessuali romantici, aromantici, demiromantici, Gray- A, demisessuali, asessuali biromantici, asessuali omoromantici, asessuali panromantici, asessuali polibiromantici, …. e via dicendo! La comunità asex è forse ossessionata dalle classificazioni? Probabilmente sì. Questo può avere molteplici spiegazioni. Innanzitutto può essere relazionato al fatto che questo sia principalmente un movimento di protesta: le parole non sono neutre, riunire sotto il cappello dell’asessualità tutta una serie di comportamenti umani è un atto soprattutto politico. Inoltre classificazioni accurate ed esaustive come quelle che si possono rintracciare sul sito dell’AVEN non servono solo a fare chiarezza tra gli utenti, ma soprattutto a dotarsi di un linguaggio quanto più verosimilmente scientifico (ed asettico di conseguenza!) possibile. Serve a dare al movimento credibilità, specie se si considera il fatto che è ad altri linguaggi scientifici (quello psichiatrico in primis) che gli asex spesso si devono contrapporre. Inoltre interessante sarebbe analizzare quanto rilevante è il fatto che questa è una “comunità” nata in rete, territorio nel quale la possibilità di utilizzare le identità “canoniche” (specie in forum come questo nei quali regna l’anonimato e nessuno utilizza le proprie foto come immagini di profilo) viene meno ed in qualche modo si sente probabilmente la necessità di colmare tale vuoto.

– Cosa rivendicano gli asex? Sul piano dei diritti in quanto asex poco e nulla (nel caso di asex gay e lesbiche il discorso è diverso, ma comunque riguarda il movimento asex solo marginalmente). Più che altro si muovono per favorire la sensibilizzazione nel mondo (e nei media) di questa realtà che, stando ad alcune stime rintracciabili in rete, riguarderebbe circa l’1% della popolazione. Rivendicano inoltre il fatto di non essere considerati anomalie o pazienti da curare.

– Gli asessuali hanno, per modo di dire, molti “nemici” e dei “falsi amici”. I nemici sono i sessuali, la stragrande maggioranza delle persone, la loro società “sessuocentrica”, i loro medici e psicologi quando vogliono tentare di sanarli. I falsi amici sono i gay e le lesbiche di cui di fatti condividono le lotte, ma con i quali in realtà sono forse, per alcuni aspetti, più lontani di quanto non lo siano con i sessuali etero. Sebbene, infatti, in linea di principio, le loro lotte per un pieno diritto a vivere la sessualità come meglio si creda siano pienamente sovrapponibili, i rapporti di fatto tra asex e omosessuali sono piuttosto ambigui. Se considerate che moltissimi asex detesta vedere spiattellato il sesso ovunque (cosa che molti identificano con i movimenti LGBT) e che i nemici giurati degli omosessuali sono suore e preti e le loro posizioni sulla sessualità, è facile che si creino frainetndimenti e dissapori (ad esempio mi è capitato di leggere battute al vetriolo su alcuni forum LGBT a riguardo degli asex).

– C’era una battuta su Spinoza a riguardo della marcia degli asex al WPride di Londra. Diceva che il loro corte sarebbe stato aperto da un carro di buoi! Ho riso per ore….

– All’asilo eri fidanzato con qualcuno, ma lui non lo sapeva? Ad alcuniAsex capita anche all’università! Non sto scherzando! Lo chiamano fidanzamento interno!

– Trovo molto interessante il fatto (testimoniato da molte delle frasi riportate su questo post) che digitando parole su Google si possa arrivare a determinare il proprio orientamento sessuale, a riconoscersi, a sentirsi parte di qualcosa, a riuscire a parlare di sé in termini del tutto nuovi…

Stefano Mosso

“Pieta” di Kim Ki Duk: recensione, curiosità, balconing.

Vuoto dimensionale, solitudine, un opprimente senso di claustrofobia. Sono questi gli elementi che dominano “Pieta” di Kim Ki Duk, film che affronta la dura realtà di un quartiere di Seul nel quale la diffusione del balconing, specie nella variante coreana senza piscina, ha sconvolto il tessuto sociale dei suoi abitanti, tradizionalmente fondato su alcol e culto della lamiera. Tra la disperazione ed il senso di umiliazione che affligge coloro i quali non riescono a trovare il coraggio di lanciarsi si muove Ken-Do, il protagonista del film, teorico delle pippe notturne senza mani, il quale si aggira per il quartiere facendo nuovi adepti con dei metodi forse brutali, ma dalla sicura efficacia. Tra vecchi e nuovi pipparoli una donna misteriosa entra però nella vita di Ken-Do, stravolgendone gli equilibri. Dopo numerosi colpi di scena si scopre che la donna niente altro è che la campionessa coreana di balconing che, afflitta dal suicidio del figlio, ossessionato dalle vertigini ereditate per via paterna, decide di porre fine alla moda del balconing realizzando il balconing perfetto. Ken-do, colpito dal gesto tecnico della donna, cerca conforto tra i suoi adepti, ma scopre che questi in realtà questi lo hanno rinnegato a causa di alcuni suoi comportamenti impuri con la mano della donna. Oramai solo e disperato Ken-Do cerca di riconquistare l’amore della sua gente lanciando la moda dei maglioni corti e zozzi. Fallito questo ultimo estremo tentativo Ken-Do è oramai ad un passo dalla pazzia. Nell’ultima e struggente scena lo vedremo affidare tutto il proprio dolore alla Land Art.

Curiosità

– “Pieta” è stato girato in appena un mese, in seguito ad una scommessa tra il regista Kim Ki Duk ed un barista di Salonicco che ha chiesto di restare nell’anonimato.

– Appassionati cinefili di tutto il mondo si sono divertiti a scovare errori nella pellicola. Quello più eclatante è la presenza di una anziana donna che appare nitidamente dietro la protagonista poco prima che questa esegua il balconing finale.

– Il film ha avuto il patrocinio del Ministero della salute coreano. Sarà proiettato all’interno delle scuole nell’ambito di un progetto mirato a promuovere tra le nuove generazioni il consumo di cibi a kilometro zero e possibilmente vivi.

– Il ruolo del futuro padre pronto a sacrificare le proprie mani è stato interpretato da Jin Ji Woo, famosa rockstar coreana idolo dei teenagers. La canzone che accenna alla chitarra è tratta da “Sapido”, il suo ultimo disco, tra i più scaricati su I-tunes.

Hanno detto su “Pieta”

“Kim era perfettamente partecipe della causa. L’idea del frigorifero buttato in terra è stata sua” (Cho Yong Doo, Ministro della salute Sud Coreano)

“A noi Kim Ki Dux non dispiace” (Gianluca Iannone, leader CasaPound Italia”)

“Prima Pietà, poi Pieta, poi di nuovo Pietà e poi no, tutti dicevano Pieta…sapete che ve dico? Che io…” (Paolo Mereghetti, critico cinematografico)

“Senza Nonno Libero io dico che non è pensabile. Scarpati non può reggere da solo tutta quella… è troppa l’aspettativa da parte del pubblico” (Micheal Mann, regista e presidente della 69esima Mostra del Cinema di Venezia)

“Lui era sbronzo marcio, nemmeno si reggeva in piedi. Pensavo di vincere facile ed invece… non li ho i suoi soldi e sono mesi che vivo nel terrore che torni, quell’uomo è pericoloso, dico davvero!” (Ambrosios T., barista)

“Mi ci sono riconosciuta. Anche io di notte metto sempre il silenzioso” (Paola Barale, showgirl)

“Un film che ti tocca dentro” (Beppe Bigazzi, faccendiere)

“Coreani, coreani, coreani, sempre film coreani” (Massimiliano Latorre eSalvatore Girone, militari)

“I peggiori schiaffi della storia del cinema” (Bud Spencer, attore)

“Lino sa bene che per lui un ruolo ci sarà sempre nei miei film” (Micheal Mann, regista e presidente della 69esima Mostra del Cinema di Venezia)

“Ma poi, ma si può sapere che le ha dato da mangiare a quella, ‘na palla?” (Paolo Bertetto, critico cinematografico)

“In sala si sono girati tutti verso di me durante quella scena. Possibile che io ormai debba persino aver paura di andare al cinema, perché se per caso esce fuori un pollo…  ” (Richard Benson, artista)

“Ho pianto” (Renzo Bossi, figlio)

“Ci è costato molto meno di quello che pensate” (Amancio Ortega Gaona, imprenditore, proprietario del marchio Zara)

“Un capolavoro assoluto, ma io su Kim Ki Duk sono di parte” (Antonio Cassano)

Il regista Sud-coreano Kim Ki Duk a Venezia mentre imita uno di quei gatti cinesi del cazzo

                        

 

Piante, dita, talloni e Superga: breve viaggio tra i feticisti del piede.

Piante, dita, talloni e Superga: breve viaggio tra i feticisti del piedi.

 

Articolo 1

il piede deve sapere di piede.

(flipsega)

Pensiero del giorno

Vorrei tanto trovare una bella donna che mi calpesti un pò oggi

(furbetto1)

Imprinting

Ciao, ho 38 anni e penso di essere invaghito delle estremità femminili dalla nascita

(Valefeet)

Deformazione

ciao a tutti ho 31anni e sono un adoratore incallito dei piedi femminili..

(deviltoons79)

La presentazione

ciao, sono un lecca-adora-annusa-ama piedi,scarpe,stivali.

(lecchino)

Dubbio amletico

a me piace anche la caviglia…sono forse pazzo?

(sanex)

Rarità

Ooh.. e’ cosa rara vedere delle stigmate cosi’ ben formate.

(oonilox)

L’illuminazione

vivere con naturalezza senza sentirsi uno schifoso …. non ci avevo mai pensato…

(rosses)

Il simpaticone

Grazie a te x il tuo gentile saluto, x me è un piacere essere qui, dove essere trattato coi ipedi può fare solo piacere

(Demonebianco)

Odore di pixel

sì staimo per diventare annusatori di schermi…..

(Jarod800)

Giornate buttate

Spesso alcune donne hanno i piedi molto caldi e predisposti ad emanare odore… praticamente il paradiso. Altre invece, sembrano del tutto asettiche, neanche dopo un’intera giornata per negozi in Superga ti sanno regalare emozioni…

(footstinkloverk)

Il fallimento

L’odore era davvero tremendo, ho provato a ciucciare ma l’unione calza marcia-scarpa putrida-piede predisposto è stata davvero troppo

(lpaoletto)

Off topic

In fretta, feci anch’io la mia spesa, pagammo e uscimmo dal supermarket. La aiutai a caricare in macchina le

grandi shopper stracolme di cibi costosi, pesantissima quella che a stento conteneva il grande tacchino …

(fiter)

L’idea

se solo si potesse, estrarrei il sudore dei piedi di alcune donne e ne farei una colonia personale

(nyloned)

L’angolo delle domande

ma se mi piace solo vedere i piedi sporchi, che tipo di feticista sono??

(itreed87)

Cinema

bella scenetta, l’attrice è molto piedosa

(Alan76)

La giusta maturazione

Tua madre ha dei piedi stupendi ed un’età perfetta per piedi succosi

(fotografo piedi)

La vera essenza

.una foto in posa pur bella ha sempre che di artefatto,di programmato,mentre uno scatto rubato cattura la reale essenza di un piede,

(uzzu1)

La scellerata

…questa si mette il profumo..! Ma non ha mica capito un cazzo!!!!!!!

(infradito69)

Disponibilità in famiglia

magari avere delle zie o cugine così disponibili a livello piedoso…

(Annusatore)

Feet of war

la prima è Yamile Marrero un cesso di donna ma ha due piedi da guerra!

(rapfeet)

Arrogance

a me piace il piede importante, misura 39 pianta larga carnoso e unghie lunghe arroganti

(smelled)

La prova del nove

Se hai dubbi, guarda i calli sotto la pianta: io dubbi non ne ho.

(Al garcia)

Brogli

La votazione con cui è stato assegnato il titolo Miss piede d’oro a Barbara D’Urso ha generato non poche polemiche…

(K feet)

Questo mi ricorda qualcosa

ah ragà qualcuno sta d’urso l’ha votata!come fa a non piacere a nessuno?

(gorgasm14)

Il troppo storpia

va bene un pochino di alluce valgo ma nn così tnt

(massaggio piedi)

Un sistema non meritocratico

il metodo di nomination andrebbe modificato perchè in molti lo fanno solo a gusto personale e non scegliendo chi durante l’anno mostra di più i piedi…tipo ho letto la Blasi (che nel 2011 non li ha mostrati praticamente mai) o la Ventura (idem con patate)…e anche la D’Urso…vorrei proprio sapere cosa ha fatto per meritare la vittoria per il 2011…

(Amopiedi85)

Protesi?

io fra puttane e amiche supero i 85 piedi

(leoleo99)

Bah!

se sono appena lavati è come leccare una saponetta

(amopiedi85)

La scarpiera di Zoe

L’ho messa su “frutto della mia fantasia” perché c’è tanto di inventato, diciamo che si tratta in gran parte di “aspettative”, pero “Zoe” e la sua scarpiera esistono davvero

(Fiter)

Verità per iniziati

al di là dei gusti che sono sempre molto personali, solo i veri feticisti del piede sanno la differenza tra un piede pulito e un piede che emana un forte odore..

(Merovingio2404)

Tecnicismi

piedi molto belli, numero 39/40, piuttosto “usati” e belli paciugosi, sapete quella pucetta tipo scaloppe?

(lpaoletto)

Istruzioni per l’uso

Sollevai quella prelibatezza ad un altezza tale che rendesse agevole l’operazione di avvicinamento del mio naso

(footjob lover)

La pianta che non ti aspetti

non potete immaginare quanto fu bello avvicinare le mie narici alla sua pianta vogliosa…

(piè odorosi)

Feet party

gioca al superenalotto ,magari vinci e poi ci inviti tutti a festeggire,ovviamente a base di piedi di belle fanciulle

(brillobrillo)

E vide che era cosa buona e giusta

inizio a toccarle il piede ancora calzato e la caviglia dicendole che erano belli e che la caviglia era molto sottile come era giusto che fosse.

(Piedilove)

Gentilezza

wla cina cmq pure io ho provato piedi orienali pikkoli e saporiti liprendevo tutti in boccca goduria..e poisono gentili e questo e tanto.

(jarodo800)

Improbabili similitudini

hai annusato come un cane affamato!!

(rosses)

La deduzione di petrus

.Dal sapore aspro e fortemente salato dei suoi sandali capivo che doveva sudare molto nella stagione estiva…

(petrus)

Smarrimento

Mi fa respirare gli anfibi non saprei dire per quanto, so solo che dopo ero completamente privo di ogni certezza…

(tintoretto86)

Perché io valgo!

CONTINUA A POSTARE QUESTE GRANDI FOTO…MAGARI QUALCUNA ANCHE CON ALLUCE VALGO..

(massaggio piedi)

Puà!

piedi più odorosi del web??!!! Bisogna sempre vedere…per me se la tira troppo…

(fucinadivulcano)

Il timoroso

mi limito a baciare i piedi sporchi,anche se ho la fantasia di leccarli.ho paura di malattie

(andygiro)

Le mezze misure

io puliti, oppure sudati dopo un’oretta di joggin…

(ilnaturista)

Il bacio della buonanotte

Adoro quand mia moglie si fà sfilare i Birckenstock dopo una giornata estiva e calda e me li porge per il consueto bacio serale

(alegi1963)

Bifidus

considerando la mia autentica passione per le piante belle larghe, non lunghe, con alluci grossi e polposi, dita “a martello” (ovvero ripiegate) piccole e unite a formare una linea ideale che va a scendere verso il mignolino, talloni importanti ed un pò vissuti……mi trovo di conseguenza fatalmente attratto dalle piante di Geppi Cucciari

(Pierfilippo)

Help wanted

ah è un problema….come farsi la foto delle piante da sola? nello specchio va bene?

(kymma)

Il lavoro dei sogni

..più che ufficio, mi sembra il paradiso dei piedi!!!

(infradito69)

Riluttanza ostinata

Io già avrei un problema,ho la mia ragazza che ha dei bei piedi,molto carini,ma non riesco a farglieli puzzare in nessun modo

(meganite)

Il pensiero gentile

Una goduria pazzesca…. mi ha anche detto: “non li ho lavati apposta…”

(pièodorosi)

Il sommelier

Annuso un odore acre, molto intenso, con sfumature di calzino da scarpa di ginnastica

(merovingio2404)

– Io non credo in Dio, ma tengo per fermo che se Dio esistesse sarebbe molto orgoglioso dei feticisti dei piedi. Dite di no? Analizziamo con calma questa mia affermazione. I piedi abitano la periferia del nostro corpo, sono la parte più distante dalla testa e sono periferici anche per quello che riguarda la rappresentazione del corpo, almeno nella nostra società. Quante poesie ci sono sui piedi? Pochissime! Canzoni? Praticamente nessuna! Nei quadri e nei film se compaiono lo fanno sempre per caso e considerate che le dita a parte l’alluce non hanno neppure un nome! Eppure i piedi sono importanti! Certo non importanti come le mani, ma le loro cosette ce le fanno fare no? Ci mantengono in posizione eretta, ci consentono di camminare e correre anche all’indietro, di usare i cerotti piccoli e tondi che altrimenti resterebbero in fondo alla scatola, di metterci sulle punte per afferrare oggetti altrimenti irraggiungibili ed inoltre pensate un po’ a quanto sono versatili nel calciare il pallone (di punta, di piatto, di esterno, di collo, di tacco etc. etc.). Insomma fanno un mucchio di cose per noi e noi non solo non li caghiamo nemmeno di striscio, ma a volte li infilano pure dentro le Hogan! Ma i piedi non sono interessanti solo perché ci fanno fare delle cose, basta con questo utilitarismo insomma! Essi possiedono anche un discreto fascino! Costituiscono un piccolo ed eclettico mondo nel quale si passa dalle frivole piante ai severi talloni, dalle delicate falangi distali all’arcipelago osseo del tarso, dai più bui recessi interdigitali al dorso praticamente diafano. I piedi sono capricciosi. Sensibili al caldo e al freddo, facili al lamento, aspiranti giardinieri, per vocazione promiscui, ma fedeli a sé stessi e al loro padrone, al quale finiscono sempre letteralmente per piegarsi, ma lentamente, fino ad amare il loro lavoro e identificarvisi talmente perfettamente che poi non vorranno mai più cambiarlo e rifiuteranno con decisione ogni cambiamento che gli si proporrà come il più meschino dei burocrati statali. Dopotutto perché mai Dio ci avrebbe fornito di strumenti tanto versatili e curiosi, capaci di sprigionare un così vasto spettro di odori e pastose secrezioni se non avesse avuto dei disegni precisi? E’ qui che entrano in gioco i feticisti dei piedi. I feticisti dei piedi infatti riempiono questo vuoto intorno al piede. Mentre tutti noi celebriamo cosce, seni, sederi, labbra e caviglie, i feticisti recuperano i piedi dal dimenticatoio e ne fanno uno dei vettori (a volte quello esclusivo) del loro desiderio sessuale. Vi sembra poco? Secondo me ogni volta che un feticista ha un piede in faccia Dio si spella le mani di applausi e poi si apre una lattina di birra! Dopotutto il rapporto tra desiderio sessuale e corpo femminile è del tutto arbitrario. Non abbiamo alcun libretto di istruzioni e sappiamo bene quanto e come cambiano i canoni estetici nel corso della storia. Lasciamo dunque agli psichiatri stabilire se i comportamenti dei feticisti dei piedi siano patologici o meno, sospendiamo ogni giudizio ed entriamo nell’argomento del giorno che è quello della scrittura dei feticisti in rete.

– In Italia ci sono diversi forum dedicati ai feticisti dei piedi. Lasciando stare i siti a pagamento  (nei quali non so cosa ci sia) direi che i forum vengono usati prevalentemente per condividere materiale “piedo-pornografico” (immagini e video). La scrittura è comunque presente è ha varie funzioni. Innanzitutto fa da supporto alle immagini, potenziandone la carica erotica (spesso sono immagini amatoriali che l’utente presenta agli altri attraverso dei commenti). In secondo luogo serve a condividere opinioni (in parte anche sul fatto di essere feticisti). Ci sono poi molto spesso sezioni nelle quali gli utenti possono condividere le loro storie (storie di esperienze audaci si intende). Questa è ovviamente la parte più interessante, anche perché spesso le storie sono dichiaratamente inventate e nonostante questo trovano un discreto seguito tra gli utenti (sostengo questo sulla base dei numeri di persone che aprono il topic rivelato dai contatori e alle risposte presenti). È dunque chiaro come in questi forum la scrittura sia soprattutto utilizzata per stuzzicare le fantasie degli utenti in modo di favorire “emozioni” più intense e in secondo luogo per conoscere persone che hanno la propria stessa passione. Da non sottovalutare come attraverso la scrittura in questi forum si possa arrivare ad una più chiara conoscenza di sé stessi.

– Per accedere a questi forum occorre iscriversi e poi fare (in una apposita sezione) richiesta di essere ammesso a tutti i contenuti del sito. Io ho dovuto fare così. Dopo un giorno sono stato ammesso. Oggi mi è arrivato un messaggio di un tipo di Bari che chiedeva se avessi foto di sandali. Ha detto di essere sposato, che la moglie aveva dei piedi bellissimi e che sarebbe stato contento di scambiare con me foto di piedi, possibilmente in sandali.

– La maggior parte delle foto che girano hanno come soggetto donne con piedi in primo piano. A volte i piedi sono nudi, altre volte hanno solo calze, altre ancora hanno le scarpe (dei più diversi tipi). Molto apprezzate (da quello che mi è sembrato di capire) sono:

– le foto dove sono visibili le piante dei piedi, specie se viste dal basso con le dita ben visibili;

– le foto dove la donna che mostra il piede sembra avere un atteggiamento di superiorità o proprio di strafottenza,

– le foto dove donne annusano il piede di altre donne (questa piacciono soprattutto se quella che annusa dà segno di non apprezzare la cosa);

– le foto di scarpe e sandali particolarmente usati, specie se sono visibili i segni di usura.

Relativamente ai video non saprei quali sono quelli più graditi perché in tutta onestà non me la sono proprio sentita di guardarli.

Queste (tanto per rendere l’idea del fenomeno) sono alcune delle categorie di uno dei forum che ho visionato per scrivere questo post: Piedi maturi; Piedi giovani; Piedi amatoriali; Piedi di donne afroamericane; Piedi da annusare: tutto ciò che riguarda l’annusamento del piede; Piedi casalinghi; Piedi per la strada; Piedi delle zie: chi ha avuto esperienze piedose con le zie (proprie e degli altri); Piedi che “dormono”; Piedi muscolosi; Sondaggi piedosi; Piedi vintage; Piedi al mare (piedi in vacanza); Piedi in auto (i piedi e le auto); Piedi e disegni; Piedi dall’oriente; Piedi di donne formose; Piedi di celebrità di ex VIP; Piedi solleticati; Piedi sporchi; Scarpe, collant, calzini & Co…

-Le pratiche sessuali sono le più diversificate. Una delle pratiche più curiose, a mio avviso, è il Pedal Pumping, nella quale l’uomo prova eccitazione nel vedere i piedi nudi della donna muoversi sui pedali della macchina, in particolare sull’acceleratore (ma questa della preferenza per l’acceleratore mi sa di cazzata). Fatto sta che se fossi una donna ci farei un pensierino sul frequentare un feticista dei piedi. È uno che non farà che fomentare la sua passione per le scarpe e che non la prenderà mai in giro su come guida la macchina. Vi sembra poco?

Alla prossima ; )