NON CI SONO PIù I NEONATI DI UNA VOLTA. VIAGGIO NEL MONDO DEI PANNOLINI

Dedico questo post alla “Cardificio italiano SPA”, azienda che produce pannolini e che, nel descrivere le proprietà di “New Born”, un loro pannolino della linea “Paciuchino”, utilizza coraggiosamente la parola “feci”.

Se siete convinti che il politichese (il linguaggio utilizzato dai politici) sia per definizione il linguaggio della finzione, il linguaggio adatto per mischiare le carte e pervertire la realtà, beh, vi invito a fare un giro nel mondo dei pannolini. Troverete infatti sezioni intere dedicate al bagnato, all’asciutto, alla protezione, agli odori, alla sicurezza, al pericolo derivante dalle fuoriuscite: tutte parole o espressioni all’insegna del vago, dell’indeterminatezza. Bagnato di che? protetto da cosa? odore di che? Poi le fuoriuscite, ovunque fuoriuscite, ma di che cosa? mai e poi mai la realtà verrà chiamata per quello che è, al massimo rimbalzeranno termini come pupù e cacchina, termini che non solo sono un must negli spot televisivi e nei siti ufficiali, ma che vengono poi riproposti tali e quali anche tra i tanti forum di mamme e neo-mamme. Un capitolo a parte spetterebbe poi per la pipì da campione evocata in alcuni spot Pampers. Mi piacerebbe molto sapere come valutare tali pipì, oltre quale punto possiamo parlare di campione e non di un banalissimo infante piscettoso da subissare di fischi? Si potrebbe, pensavo, rispettando ovviamente un regolamento, organizzare un campionato?

A parte gli scherzi si imparano molte cose osservando gli spot sui pannolini. Innanzitutto non esistono più i neonati di una volta. Se una volta negli spot il neonato era assolutamente passivo, relegato al ruolo di una specie di porchetta distesa che la testimonial di turno cambiava col sorriso sulle labbra per illustrare la praticità del prodotto, i neonati di adesso negli spot vanni inseguiti. Corrono, saltano, si arrampicano, cadono, vanno in piscina, giocano e predicano la concordia tra le razze… insomma i neonati di oggi hanno l’argento vivo e gli spot (complici le inquadrature dal basso, cioè dal punto di vista del neonato) vi invitano ad entrare nel loro modo di percepire il mondo. Dunque sicuramente ancora convenienza, praticità, affidabilità (ovvero problemi sentiti dai grandi) ma anche libertà e comfort per i bambini impegnati  e per i piccoli esploratori del mondo.

Vi è poi un forte appello al mondo scientifico e al prestigio che evoca. Ricerca, materiali altamente tecnologici, traspirabilità, dati e statistiche sono tutte cose ben evidenti e pubblicizzate a dovere, ma il neonato di oggi è un neonato che soprattutto deve potersi esprimere, che deve piacere, ma che soprattutto deve piacersi. A tal proposito il pantaloncino “Duetto” (una sorta di via di mezzo tra un pannolino usa e getta ed uno lavabile)  è studiato per dare al piccolo di casa un look fashion proprio come la mamma. I modelli “Duetto” vengono infatti aggiornati ogni stagione in base alle mode. Sul loro sito assicurano che con “Duetto” non dovrai più nascondere il tuo piccolo in pannolino, ma invece mostrarlo, anche con un pizzico di vanità, così da renderlo più sicuro sin dalla primissima infanzia. Vedete bene come si sposano qui l’attenzione all’estetica con quella all’indipendenza del bambino, un bambino che sta bene con sé stesso e con gli altri, che non solo non deve vergognarsi di stare in società, ma che grazie a Duetto impara a starci sin dai primissimi rigurgiti. Un bambino sicuro, fiero, che gattona a testa alta.

Ovviamente Duetto è un caso limite, ma nonostante questo indicativo di come il fuoco, l’attenzione, si stia lentamente spostando verso il comfort e le esigenze dell’utilizzatore finale e non più solo su quelle dei genitori (anche se poi sono loro il target da convincere perché son loro a pagare). I “Little Walkers” di Pampers ad esempio sono pensati per poter cambiare il bambino mentre è in piedi e con la massima facilità. Altro che porchetta sul fasciatoio. Il cambio del pannolino va fatto rapido tipo pit-stop in formula uno. La mamma o il papà arrivano, cambiano e poi PUF! spariscono. Così il bambino può continuare a intrattenere gli ospiti.

All’insegna delle esigenze del bambino è poi quella genialata di operazione commerciale che risponde al nome di mutandina-pannolino. Facili e pratici da indossare questi prodotti (sicuri come un pannolino ma pratici come uno slip) sono studiati per assistere i bambini nella fase in cui iniziano ad usare il vasino. Di fatto si sono inventati un prodotto il cui scopo sarebbe quello di “dire addio al pannolino”. Una sorta di pannolino di transizione.

A proposito di sviluppo, come non menzionare i presunti disegni educativi che si trovano sui “Pull Ups” di Huggies. Io onestamente non vedo cosa ci possa essere di educativo in un disegno su un pannolino. Se consideriamo poi che i disegni in questione sono tratti dal film “Cars 2” nel caso dei bambini (pannolino blu), mentre per le bambine si ritroveranno le “Principesse Disney”( su pannolino rosa), mi sembra che più che educazione qui vi sia la solita riproposizione di assurdi stereotipi di genere. Ma qui mi fermo, perché si aprirebbe un mondo parlando di questioni di genere e articoli per l’infanzia.

Ma vi è dell’altro sui “Pull Ups”. Huggies fa infatti notare che questi disegni spariscono nel caso il bambino abbia fatto pipì. Mi viene da pensare che risieda in questo la funzione educativa del pannolino, specie considerando che “Pull Ups” è uno di quei pannolini di transizione verso il vasino. Chissà, che qualcuno mi illumini. Non so a voi, ma a me sembra una pensata davvero crudele questa cosa del disegno che sparisce.

Infine, un plauso alla Huggies (o a chi per loro) ha coniato lo slogan per la linea dei pannolini “Little Swimmers”, una linea di pannolini ideati per la piscina. Lo slogan in questione è “TANTI SPLASH, NESSUN PLOF!”. Davvero mi sento di alzare il cappello davanti a cotanta finezza ed estro. Non vedo l’ora davvero di diventare padre.

Buon PLOF a tutte/i.

Alla prossima.

Immagine

Il favoloso mondo dei dentifrici.

“Durante una spedizione nell’Artico alcuni scienziati notarono che le popolazioni della zona avevano denti straordinariamente bianchi e sani. La loro unica attività di igiene orale consisteva nello sfregarsi i denti con un lichene che cresceva in abbondanza a quelle latitudini […] A partire da questa osservazione, i ricercatori italiani studiarono e isolarono le componenti attive contenute nel lichene artico, e grazie all’impiego di tali estratti, BlanX creò un dentifricio unico per efficacia e protezione”

Molte domande mi verrebbero da fare leggendo questa storia che potete trovare sul sito della Blanx. Ad esempio, chi erano mai questi scienziati? Quando prese vita la loro spedizione? Da quanti membri era composta? Cosa cercavano? Dove di preciso? (Domanda mica futile considerando l’estensione dei territori artici). E poi, quali erano mai queste popolazioni incontrate? Ma una domanda su tutte mi pongo: perché mai la Blanx ha pagato dei ricercatori italiani per creare un prodotto pastoso e schiaffarlo in un tubetto, quando pare che questi licheni andassero da paura già così come erano? Non potevano importarli e basta? Farli crescere e distribuirli? Bah…

Molte altre domande sorgono spontanee andandosi a spulciare i siti internet delle aziende produttrici di dentifrici. Una delle cose che noto spesso sono le percentuali di efficacia nell’igiene orale che ogni nuovo prodotto lanciato sul mercato è in grado di fornire. Anche qui, tenendo fermo che credo ciecamente alle verità dei testimonial in camice bianco alla tv, quello che mi chiedo è: se ogni anno, per tenerci bassi, mi viene garantito mettiamo il 15% di efficacia in più rispetto al vecchio dentifricio, quando io avevo 6 anni, dunque 22 anni fa, invece di seguire le indicazioni dei miei genitori ed utilizzare un dentifricio, che rispetto a quelli attualmente in commercio aveva il 330% circa di efficacia in meno, non era uguale se mi strofinavo i denti su un cane bagnato?

Le domande senza risposta, ahimè, non finiscono certo qui. Mi spieghi la Elmex cosa intende quando scrive che I bambini piccoli dovrebbero lavare i denti con uno speciale spazzolino educativo”. Cioè??? Cosa cazzo intendono conspeciale spazzolino educativo?” È uno spazzolino con degli speciali raschietti che se per caso il pupo mi sbaglia l’inclinazione della spazzolata gli scortica le gengive? Illuminatemi per favore!

Ma andiamo avanti e passiamo a Colgate, azienda che non ha bisogno di presentazioni. Dal sito risultano 20 dentifrici in commercio, ma quello che vi consiglio caldamente di fare è un tour a “l’istituto alito fresco”. Non sto scherzando eh! Esiste davvero. Mi immagino quanto sia gratificante lavorarci, anche se credo che io non supererei mai l’angoscia di dover affrontare la selezione per ottenere quel posto!

Ecco ora il turno di Paradontax, sì, proprio quello che devi usare “se ti capita di vedere del sangue mentre ti lavi i denti”, ragione per cui io da un po’ mi lavo i denti al buio. Bene, Paradontax distribuisce solo due tipi di dentifricio, ma forse, uno poteva anche bastare, se consideriamo che contiene fino al 70% di ingredienti specifici. Già, fino al 70%. Poi uno si chiede, e il restante 30% di ingredienti non specifici??? Li hanno scelti a cazzo di cane? Tipo…”uhm…aspetta un attimo…. vedo cosa c’è rimasto in frigo e ti dico!”

Passiamo ora ad un’altra azienda stranota: Mentadent. Come Colgate ha 20 tipi di dentifrici in vendita (due per bambini ed uno per anziani) ed uno di questi dentifrici, ci tengono a dire, è ispirato al filo interdentale (?). Lascio a voi scoprire quale! Hanno anche una linea Sensitive, per gengive sensibili e, guarda caso, il colore delle confezioni è… rosa (SIC!). Permettetemi di segnalarvi anche Mentadent “NUTRI ACTIV”, l’unico dentifricio che “nutre le tue gengive” e, di conseguenza, immagino, anche l’unico dentifricio al mondo che è consigliabile usare PRIMA dei pasti. Quello che, però, più mi colpisce nella descrizione dei prodotti Mentadent (tutti con la propria scheda tecnica tipo i giocatori di FIFA) è che ognuno di questi dentifrici vanta una formula esclusiva o qualche innovativa tecnologia frutto di anni di ricerche in laboratorio da parte degli scienziati Mentadent. Ora facciamo a capirci, io non ce l’ho con Mentadent, per carità, affatto! Mi piace una cifra dare quei morsi prepotenti alle mele verdi! Sono inoltre per il progresso, per la tecnologia, per i microchip su cani, tacchini, granchi, insetti stecco e tutto il resto. Solo che poi vado al supermercato,  trovo le zucchine romane a 4 euro al kg e…e a quel punto qualcosa non mi torna! Cioè, ma se per la metà posso portarmi a casa un prodotto super tecnologico frutto di anni di sanguinose ricerche condotte da gente che ha passato metà della propria vita tra libri e microscopi, possibile che le zucchine le devo pagà il doppio? Chi è che mi sta coglionando?

E’ il turno di un’azienda italiana, Antica Erboristeria. 11 dentifrici per loro, niente male no? Qui mi urge segnalarvi le “risapute” proprietà rinfrescanti del dentifricio “Totale”. Risapute, sì, dopotutto è un’azienda italiana! “Totale”, comunque, oltre alle sue risapute proprietà vanta anche il 99% in meno di crescita batterica. Mica cazzi! Però poi entri facilmente in confusione quando un altro loro dentifricio, “Microgranuli”, ti promette denti due volte più puliti e tu ti chiedi: ”ma se con quell’altro sono arrivato al 99%…. come fa a questo ad essere il doppio?” Pazienza! Passiamo alla freschezza, argomento molto dibattuto tra i professionisti dell’igiene orale. Il dentifricio “Purifica” di Antica Erboristeria vi assicura 12h di freschezza! Poi però badate bene che sono cazzi vostri! Fate i calcoli la mattina quando state per uscire per scongiurare, allo scadere delle 12h, il famigerato “effetto Cenerentola”, quando la vostra bocca, la cui freschezza era stata magari l’anima della festa, inizierà a sapere di fogna, così, di colpo, da un momento all’altro. Nel dubbio, comunque, “Fresco polare”, sempre di Antica Erboristeria, per lo stesso prezzo, vi garantisce ben 16h di freschezza, 4 ore in più! Dunque fate i vostri calcoli. Nel dubbio potete mettere sullo spazzolino un po’ di “Purifica” e un po’ di “Fresco Polare”, dovrebbero fare 14h di freschezza! Oppure se vi salta l’aperitivo e alle nove di sera siete già a letto e temete di ibernare il vostro partner con la freschezza della vostra bocca che ne ha ancora per ore, fate una cosa: mangiatevi per cena tre kebab pieni di cipolla o una bel kilo di pasta all’aglio (ma bella carica eh!) e vedrete che il vostro partner vi sarà riconoscente! Un problema simile vi può capitare in casa Antica Erboristeria per quanto riguarda il bianco dei denti. Anche qui, alla stessa cifra, con “Sbiancante” avrete denti bianchi dopo dieci giorni, mentre con “Bianco Express” subito, immediatamente. Sta a voi decidere insomma…

Ma passiamo finalmente all’azienda che ha ispirato questo post e che vorrei qui pubblicamente ringraziare: Aquafresh. Ora dovete sapere che ogni azienda ha il suo pallino, quell’argomento dove insiste continuamente. Beh, Aquafresh ha il pallino della famiglia, della protezione della famiglia, della protezione dell’igiene orale di tutta la famiglia. Non so che tipo di famiglia Aquafresh abbia in mente. Se siano aperti alle coppie di fatto, alle coppie omosessuali, se abbiano come modello i Robinson delle prime serie o se si ispirino ad un modello rigidamente cristiano come Pierferdinando Casini, un modello basato su edilizia e facce da culo. Fatto sta che la loro attenzione alla famiglia è quanto mai sospetta. Poi non capisco, ma basta che lo usa uno e automaticamente la protezione si estende agli altri componenti? Se sì, funziona anche a distanza? Se sì, ancora, fino a che distanza si estende la protezione? I nonni sono inclusi? E i cugini acquisiti? Ma veniamo alle vere chicche di Aquafresh: alla loro capacità persuasiva. Ecco una delle perle del loro sito: Nessuno te lo ha mai detto, ma quando ti lavi i denti pulisci solo il 30% di ogni dente. Come mai? Perchè il restante 70% è sotto la gengiva”. Ma grazie al cazzo ti verrebbe da dire, così, su due piedi. Che significa ‘sta stronzata della gengiva? Mi verrebbe da chiedergli: ma voi di Aquafresh lo sapete che quando vi lavate il culo pulite solo l’1% di un intestino lungo 7 metri e zozzo di merda come poche cose? No? Non lo sapevate? Nessuno ve lo aveva detto? Ecco ve lo dico io e vi ci aggiungo pure un bel vaffanculo con tutto, ma proprio tutto il cuore! Ma questo, credetemi, sarebbe il minimo, perché nella pagina successiva Aquafresh, spudoratamente ci rifà asserendo che “il 40% della superficie dei denti è nascosta tra un dente e l’altro. No, niente insulti. Qui occorre ragionare, perché c’è qualcosa che non torna! Già, perché se teniamo per buono che il 70% del dente è sotto la gengiva mentre il 40% è nascosto tra dente e dente… mi spiegate adesso io cosa dovrei spazzolare? Di cosa dovrei preoccuparmi? Adesso sì che mi viene da pensare che quelli di Parodontax abbiano ragione. Grazie al cazzo che vedi sangue, te stai a martorià la bocca alla ricerca di qualcosa che non esiste!!!Ora capisco quando si dice che il mal di denti è uno di quei dolori che dà alla testa….te credo…è una questione di immaginazione! Un ultima segnalazione, prima di abbandonare, a malincore, la famiglia Aquafresh e la loro epistemologia rivoluzionaria per parlarvi del dentifricio “Supreme” che “controlla l’accumulo di placca uccidendo i batteri sul bordo gengivale”. Ci tenevo a condividere la violenza di questa immagine, il gusto macabro di “Supreme” (che richiama nel nome anche un certo immaginario nazional-socialista) e che vi dice non solo che ucciderà i batteri, così, senza pietà, ma vi dice anche dove li ammazzerà, sul bordo gengivale, sommariamente, senza processo, senza un perché, mentre stanno in bilico paciosi a giocare sulla gengiva e non se lo aspettano… come si fa, mi chiedo, a non solidarizzare con i batteri? Forza ragazzi, siamo con voi! Hasta la victoria siempre!

http://www.youtube.com/watch?v=F4ry_w0260E

Dulcis in fundo AZ, che ovviamente non poteva mancare in questa rassegna. In onore di questa grandissima azienda ho postato qui sopra anche una loro vecchia pubblicità degli anni ‘90, nella quale vi dimostrano come proteggere i vostri denti dall’attacco del fascismo sotto forma di croci celtiche. Guardatelo con attenzione. A me ha fatto morire quando si vede la tipa che schiaccia un bottone tipo fortezza delle scienze del grande Mazinga. Non è casuale. L’immaginario dei dentifrici, ma in particolare quello di AZ, è tutto racchiuso in quel dito sul pulsante. È il mondo della scienza, del progresso, della tecnologia, dell’intervento dell’uomo sul corso della natura, dell’uomo che la analizza, la osserva, la piega e la controlla. In questo le pubblicità AZ stanno avanti a tutti, altro che la sicurezza famigliare di Aquafresh, altro che l’ansia del sangue di Parodotax! Scienza, progresso, bottoni da schiacciare, un cazzo di dentifricio che ti porteresti nello spazio è AZ! Non a caso i nomi dei loro prodotti sono tutti determinatissimi, al passo coi tempi, cazzuti. Ad esempio prendiamo “AZ 3D White Shock”, che già a dirlo tutto d’un fiato mi viene duro. Questo portento della scienza rimuove fino all’80% delle macchie superficiali. AZ però si cautela e ci spiega che sta parlando delle macchie raggiungibili dallo spazzolino. Grazie a Dio, ma soprattutto grazie ad Aquafresh, noi sappiamo che la superficie irraggiungibile del dente è pari al 110%. Sulla restante parte raggiungibile (fate voi il conto a me viene -10% ma io sono una pippa in matematica) “AZ 3D White Shock” (l’ho dovuto riscrivere perché anche da scrivere è un’esperienza fantastica) è in grado di eliminare fino all’80% di macchie. Certo, direte voi, restano quel 20% di macchie presenti su quel -10% di superficie del dente e io proprio domani ho il colloquio per lavorare all’istituto alito fresco. Per questo “AZ 3D White Shock” (volevo vedere che effetto faceva grassettato corsivo) non può farci niente temo, ma volete mettere lavarvi i denti con gli occhialetti 3D? Tutta un’altra storia….

mela

Rotolo ti voglio bene! Fenomenologia della carta igienica.

Alla vostra destra o alla sinistra, ogni giorno, seduti sul vostro water, sarete obbligati ad effettuare una torsione col busto al fine di raggiungere la carta igienica. Il rotolo di carta igienica predilige solitamente la parete alle vostre spalle dalla quale superbo vi guarda, tronfio del dispositivo che lo sorregge e ne permette lo srotolamento. Tale dispositivo, che alcuni chiamano supporto a parete, distributore o, semplicemente, portarotolo è una delle ragioni, immagino, per la quale non sarebbe pensabile commercializzare carta igienica senza ricorrere alla soluzione rotolo. Le decine di aziende cartacee che si contendono il primato l’onere ed il privilegio di nettare il nostro orifizio cardinale cercano di convincerci che la loro carta risulterà più morbida, conveniente, resistente, affidabile, duratura, ludica, a minor impatto ambientale, addirittura più profumata di quella dei loro concorrenti, ma state sicuri che nessuno di questi oserà sfidare il diktat rotolo. Il rotolo non si discute, esso è un tutt’uno con la carta igienica così come non riusciremmo a concepire banane cilindriche o mele affusolate. Rotolo e portarotolo formano una coppia così ben radicata nel nostro immaginario collettivo che è persino difficile stabilire quale di questi due ritrovati della tecnologia sia stato introdotto prima. State sicuri che diventeremmo ostili nei riguardi di chiunque venisse a proporci soluzioni alternative a quei due adorabili mascalzoni come se venisse minacciata la nostra stessa identità. Chi di noi non prova pena per un rotolo di carta igienica abbandonato su una superficie piana come del nastro adesivo? Quanti di noi detestano dover usare entrambe le mani per qualche misero strappo? Chi, nella fredda solitudine di un bagno che non gli appartiene, tra quel senso di disagio e di fragilità, non apprezza la perfetta scorrevolezza che solo un rotolo ben abbinato al suo porta rotolo sa generare, quella stessa scorrevolezza di cui tutti, da bambini, almeno una volta abbiamo abusato? E quanti di voi, amici ed amiche, dopo aver dato un senso ad ore di quieta peristalsi, avendo decretato conclusa la sessione e volgendosi con la mente a quell’atto per nulla nobile, ma tuttavia doveroso, non vengono mai presi dal terrore di essere rimasti privi del fidato rotolo? In quegli attimi di angoscia, con la speranza al mobiletto sotto al lavandino da raggiungere a piccoli passi con le brache ai calcagni, un occhio malandrino alle pagine della settimana enigmistica e uno carico di apprensione al bidet, quanti di voi non hanno emesso un grido, almeno interiore, alla vista di quella candida lingua di carta che sporge timida e non aspetta altro che due vostre dita, un minimo gioco di polso più sicuro e naturale di quello di un vecchio sarto, per servirvi con amore e discrezione fin dove pochi altri saprebbero spingersi? E allora che vengano 4, 8, 30 strati di cellulosa fino a raggiungere morbidezze impossibili! Che si propaghino nell’aere fragranze floreali, essenze di camomilla, sentori di sottobosco! Che cigolino i porta rotoli e che si odano fino ai salotti! Che infine si dia mano ai pietosi sciacquoni, non prima, però, di un ultimo fugace sguardo e della mano tesa (possibilmente la sinistra), parallela alla fronte, a mo’ di estremo, commosso e doveroso saluto di commiato.

Vi lascio con le immagini di alcuni dei nostri cari eroi. Come direbbe La Russa, loro sono i nostri Ragazzi.

In ottone stile antiquariato

Acciaio e vetro satinato

Tecnologico con supporto I-Pod

porta carta igienica dotato di ventose a fortissima tenuta grazie ai materiali impiegati e al particolare meccanismo a scatto che attiva la funzione di bloccaggio. Dette ventose, non temono umidità e vapore e sono concepite per la piu’ rapida e sicura applicazione su qualsiasi superficie liscia; ognuna puo’ sostenere oltre 10 Kg,

Porta carta igienica telescopico, da fissare al muro. Ha braccetto orientabile ed estensibile per tirare a sè il rotolo e ritirarlo senza doversi allungare. Particolarmente indicato per spazi ristretti.

“Pieta” di Kim Ki Duk: recensione, curiosità, balconing.

Vuoto dimensionale, solitudine, un opprimente senso di claustrofobia. Sono questi gli elementi che dominano “Pieta” di Kim Ki Duk, film che affronta la dura realtà di un quartiere di Seul nel quale la diffusione del balconing, specie nella variante coreana senza piscina, ha sconvolto il tessuto sociale dei suoi abitanti, tradizionalmente fondato su alcol e culto della lamiera. Tra la disperazione ed il senso di umiliazione che affligge coloro i quali non riescono a trovare il coraggio di lanciarsi si muove Ken-Do, il protagonista del film, teorico delle pippe notturne senza mani, il quale si aggira per il quartiere facendo nuovi adepti con dei metodi forse brutali, ma dalla sicura efficacia. Tra vecchi e nuovi pipparoli una donna misteriosa entra però nella vita di Ken-Do, stravolgendone gli equilibri. Dopo numerosi colpi di scena si scopre che la donna niente altro è che la campionessa coreana di balconing che, afflitta dal suicidio del figlio, ossessionato dalle vertigini ereditate per via paterna, decide di porre fine alla moda del balconing realizzando il balconing perfetto. Ken-do, colpito dal gesto tecnico della donna, cerca conforto tra i suoi adepti, ma scopre che questi in realtà questi lo hanno rinnegato a causa di alcuni suoi comportamenti impuri con la mano della donna. Oramai solo e disperato Ken-Do cerca di riconquistare l’amore della sua gente lanciando la moda dei maglioni corti e zozzi. Fallito questo ultimo estremo tentativo Ken-Do è oramai ad un passo dalla pazzia. Nell’ultima e struggente scena lo vedremo affidare tutto il proprio dolore alla Land Art.

Curiosità

– “Pieta” è stato girato in appena un mese, in seguito ad una scommessa tra il regista Kim Ki Duk ed un barista di Salonicco che ha chiesto di restare nell’anonimato.

– Appassionati cinefili di tutto il mondo si sono divertiti a scovare errori nella pellicola. Quello più eclatante è la presenza di una anziana donna che appare nitidamente dietro la protagonista poco prima che questa esegua il balconing finale.

– Il film ha avuto il patrocinio del Ministero della salute coreano. Sarà proiettato all’interno delle scuole nell’ambito di un progetto mirato a promuovere tra le nuove generazioni il consumo di cibi a kilometro zero e possibilmente vivi.

– Il ruolo del futuro padre pronto a sacrificare le proprie mani è stato interpretato da Jin Ji Woo, famosa rockstar coreana idolo dei teenagers. La canzone che accenna alla chitarra è tratta da “Sapido”, il suo ultimo disco, tra i più scaricati su I-tunes.

Hanno detto su “Pieta”

“Kim era perfettamente partecipe della causa. L’idea del frigorifero buttato in terra è stata sua” (Cho Yong Doo, Ministro della salute Sud Coreano)

“A noi Kim Ki Dux non dispiace” (Gianluca Iannone, leader CasaPound Italia”)

“Prima Pietà, poi Pieta, poi di nuovo Pietà e poi no, tutti dicevano Pieta…sapete che ve dico? Che io…” (Paolo Mereghetti, critico cinematografico)

“Senza Nonno Libero io dico che non è pensabile. Scarpati non può reggere da solo tutta quella… è troppa l’aspettativa da parte del pubblico” (Micheal Mann, regista e presidente della 69esima Mostra del Cinema di Venezia)

“Lui era sbronzo marcio, nemmeno si reggeva in piedi. Pensavo di vincere facile ed invece… non li ho i suoi soldi e sono mesi che vivo nel terrore che torni, quell’uomo è pericoloso, dico davvero!” (Ambrosios T., barista)

“Mi ci sono riconosciuta. Anche io di notte metto sempre il silenzioso” (Paola Barale, showgirl)

“Un film che ti tocca dentro” (Beppe Bigazzi, faccendiere)

“Coreani, coreani, coreani, sempre film coreani” (Massimiliano Latorre eSalvatore Girone, militari)

“I peggiori schiaffi della storia del cinema” (Bud Spencer, attore)

“Lino sa bene che per lui un ruolo ci sarà sempre nei miei film” (Micheal Mann, regista e presidente della 69esima Mostra del Cinema di Venezia)

“Ma poi, ma si può sapere che le ha dato da mangiare a quella, ‘na palla?” (Paolo Bertetto, critico cinematografico)

“In sala si sono girati tutti verso di me durante quella scena. Possibile che io ormai debba persino aver paura di andare al cinema, perché se per caso esce fuori un pollo…  ” (Richard Benson, artista)

“Ho pianto” (Renzo Bossi, figlio)

“Ci è costato molto meno di quello che pensate” (Amancio Ortega Gaona, imprenditore, proprietario del marchio Zara)

“Un capolavoro assoluto, ma io su Kim Ki Duk sono di parte” (Antonio Cassano)

Il regista Sud-coreano Kim Ki Duk a Venezia mentre imita uno di quei gatti cinesi del cazzo

                        

 

10 100 1000 CLIO MAKE UP (con classifica peggiori outfit di youtube)

“Sono Sara ho 16 anni e faccio video di Makeup su YouTube si lo so che ci sono tante ragazze che fanno questo ma spero di darvi qualcosa di diverso xD”

Sara ha 16 anni, è di un paese vicino Bologna e fa video di make up su Youtube dal 22 agosto 2009. È  conscia che ci sono moltissimi altri canali su YT che parlano di make up, ce lo dice già nella presentazione del suo canale, ma nonostante questo,  spera di darci qualcosa di diverso.

Sara ha postato 212 video, raggiunto 6509 iscritti e collezionato 936603 visualizzazioni del suo canale (rispetto a ieri quando avevo iniziato a scrivere il post sono già 20000 in più). Certo, siamo comunque ben lontani dai numeri delle guru di YT, specie quella Clio Zammatteo, in arte Clio Make Up, la quale, partendo da YT, dove vanta la bellezza di 207624 iscritti, è arrivata a condurre un programma su Real Time, ma immagino che di questo a Sara importi poco. Immagino che anche del trucco in generale a Sara importi poco, o comunque non troppo, perché di fatto, nonostante il suo canale si chiami “Sara Make UP”, sono forse più i video in cui lei si limita a parlare davanti la camera che quelli nei quali mostra consigli su come truccarsi.

Di ragazze come Sara su YT ce ne sono migliaia, moltissime sono minorenni. Fanno tutorial di trucco, recensioni su cosmetici, danno dritte su come trattare la pelle, i capelli, le unghie, su come applicare extension, creare Nail Art, eliminare i punti neri, prevenire i brufoli, tagliarsi la frangia da sole, farsi trecce a spina di grano o alla francese o a 5 ciocche o a cascata o laterale alla francese o miste… insomma un sacco di trecce. E poi ci sono i video outfit (in fondo trovate la classifica dei miei 7 preferiti), nei quali si improvvisano indossatrici per suggerire l’outfit ideale per ogni occasione: dalla cerimonia in chiesa all’aperitivo serale, dalla pizza con le amiche al primo giorno di scuola, passando per tutte le fasi del corteggiamento amoroso con un occhio alle previsioni del tempo.

Molte di queste ragazze guadagnano soldi grazie ai loro canali, ottenendo la partnership con YT, che versa una somma in base al numero di visualizzazioni o inserisce direttamente banner ed annunci pubblicitari. Molte di loro vengono poi contattate dalle case produttrici di cosmetici e ricevono da queste omaggi di ogni genere e proposte di sponsorizzare, non sempre in maniera trasparente, i loro prodotti. Dunque non c’è da meravigliarsi se molte di queste ragazzine si comportano come piccole imprenditrici. Curano l’immagine del canale, sorridono, ringraziano le loro followers e commentatrici, inseguono i temi del momento, attirano l’attenzione utilizzando titoli equivoci, fanno continue collaborazioni tra canali diversi “ospitandosi” a vicenda in modo di raggiungere maggiore visibilità. Insomma, c’è poco da dire, ci sanno fare… Ma fanno anche ridere un sacco….

I titoli dei video che più ci hanno convinto

Outfit domenica da Mediaworld – un po’ un classico della domenica no?

SmettereDiMangiarsiLeUnghie!Intervista ad una EX mangiatrice incallita – l’inchiesta

INFRADITO O SANDALI O CIABBATTE?….OUTFIT – credo un omaggio ai feticisti

Outfit tranquillo ma tendente al giallo  – questo è impagabile

Pseudo outfit: gambe floreali – perché no!

Il mio Eros e la neve!!! – ??? (tremo)

Make Up Tutorial – Labbra leopardate – l’idea

anch’io ho i capelli rosa? – domande di una daltonica?

base viso estiva +aggiornamento pelle – … già non sopporto gli aggiornamenti di Windows

outfit indeciso + faccia del giorno – Grazie anche a te

outfit passeggiata in bicicletta  – Ne sentivamo tutti un grandissimo bisogno

Capelli perfetti con un calzino – magia?

tutorial unghie french obliquo bianco riga nera e brillantini..decorazione unghie, nail art.. – quando il titolo è tutto…

 

I migliori commenti ai video

 

Estate

Io ho una pelle normale che d’estate lucida la punta del naso..

(chany137)

Spam

n effetti alcune cose dette in questo video le condividiamo anche noi a Finedellacalvizie.it…

(endhairloss)

Africa

(e poi dove cazzo vivi che vedi tutte ste cose con pessimismo, in Ruanda?)

(Marcolito97)

Le premesse impossibili

parto dal fatto che sn metallaro e nn ricchione…

(themetalforceful)

Mixy decide di non morire

son potuto morire dal ridere nella scena velocizzata…

(Mixy92it)

Riconoscenza

grazie a te ho scoperto di avere il sottotono rosa !

(sweetiet27)

Dove vive lei

Il fatto e che dove vivo io tutti i negozi sono al buio

(zoriusa)

Sbarre

Dio, se voi vi sposaste fareste dei figli bellissimi con una spiccata vena umoristica sbarra artistica

(Nicky94078)

Le domande possibili

Che senso ha fare un video dove spieghi come mettere la matita se la matita ce l’hai già addosso?!

(Doryloves)

Grida

secondo te sta bene anche con occhi marrone-verde?? se mi rispondi mi metto a urlare !!

(tereleo37)

Crescita

In questi anni mi sono migliorata tantissimo, metto persino in dubbio la mia estetista…..

(8585silvia)

Fai da te

60 €??!! penso si possa ottenere lo stesso effetto succhiando aria da un bicchiere

(Miss Sussurro)

Tiè (è il mio commento preferito)

BELLA ANCHIO CIO LA IMETEC

(Isabelle9119)

Piastre e pentimento

230° ma te la regoli?? io quando arrivo a 200 mi sento terribilmente in colpa!!

(robylobeimoda)

Scuola di polizia

è imp. la forma della testa di chi lo fa….la mia è molto ovale e ogni volta che mi tocca fare la coda sembro sempre una clandestina.

(Shoen)

Ma magari no

con uno chignon magari si risolve il problema meretrice

(geklike)

88-colori-cosmetici-trucco-ultra-shimmer-shadow-palette-occhi--yy009-_qrkxpw1326707890420

 

Dulcis in fundo….

Assolutamente da non perdere…

La classifica dei migliori sette outfit di youtube

1 Pomeriggio ad Acilia

2 Ammerica

3  “tutti i giorni” (per i veri estimatori della periferia romana)

4 Elegance (l’arte dell’accessorio)

5 Marinaro + cristalli di luna (un classico)

6 The Flintstones

7 Finezze

…Niente male vero?

Alla prossima,

Stefano