E ALLORA TANGO! QUELLO CHE DEVI SAPERE SUL PAPA

Dopo una giornata intensissima nella quale tutti i media del mondo non hanno parlato di altro che di un gabbiano è stato eletto il nuovo Papa, l’argentino Jorge Maria Bergoglio, in arte Francesco I.

Una folla nutrita ha atteso per ore sotto gli ombrelli la fumata bianca in Piazza San Pietro. Sotto gli ombrelli già, quando i gabbiani cagano non scherzano.

Moltissimi i curiosi e i fedeli presenti in piazza. Moltissimi anche i turisti, desiderosi di partecipare a questo evento prima di lasciare la città, tra questi ultimi segnaliamo Gianni Alemanno.

Gaffe di Mariano Crociata, segretario generale della CEI, che ha inviato ai giornalisti un comunicato stampa nel quale si congratulava per l’elezione del cardinale Angelo Scola come nuovo pontefice. Per qualche momento abbiamo dunque avuto tre papi: Ratzinger, Scola e Bergoglio. “Parliamone” questo pare sia il messaggio giunto alla CEI poco dopo dal comune di Avignone.

In realtà un po’ tutti si aspettavano l’elezione di Scola, probabilmente anche Scola, il successore praticamente designato dallo stesso Ratzinger. Non riesco ad immaginare come quei due a casa troveranno il coraggio di dirlo ai bambini.

“Me ne sono dovuto andare perché non riuscivo a tollerare quello schifo. Quella gente falsa, esaltata. Sono un tipo semplice io, che ama la pulizia e la tranquillità.” Questa invece la dichiarazione del gabbiano una volta tornato a Malagrotta.

Il nuovo Papa ha invece subito scherzato nel suo discorso di presentazione dicendo che i cardinali lo sarebbero andato a pescare “alla fine del mondo”, facendo così subito allusione alle sue origini italiane.

Bergoglio è stato il primo papa a scegliere il nome di Francesco. Assume il nome dunque di Francesco I, Francesco primo, anche se questa necessità di specificare mi sembra indice di un immotivato ottimismo.

Nonostante i modi semplici e il richiamo al santo d’Assisi quasi subito, però, sono iniziate le critiche verso il nuovo pontefice. Alcuni gli rimproverano la collusione con la dittatura Argentina, altri l’opposizione ai matrimoni gay, molti di questi raffinati critici ritengono comunque improbabile che il nuovo papa legalizzi la marijuana.

Il giorno dopo l’elezione il nuovo papa, contro tutti i protocolli, si è personalmente recato alla basilica di Santa Maria Maggiore per ringraziare la Madonna. “Nessuno si aspettava questa visita”, così ha dichiarato la Madonna ai microfoni dei giornalisti.

Francesco I ha fatti i suoi spostamenti per Roma in pullman insieme ai cardinali. Beh, dopotutto l’elicottero ce l’ha Ratzinger a Castel Gandolfo.

Ieri, intanto, in Piazza San Pietro c’è stato il primo Angelus del nuovo pontefice. Erano presenti 150000 persone secondo il Vaticano, 300000 invece secondo il Comune di Roma, che usa includere anche le mogli.

Immagine

Annunci

COSA HA VERAMENTE DETTO RATZINGER

Carissimi, ebbene sì, il Papa si è dimesso! Purtroppo questo evento è stato totalmente mistificato dai media ufficiali, del tutto asserviti ai poteri forti, che hanno tradotto il comunicato latino a dir poco liberamente. In esclusiva per Tibten, però, qui potete trovare il comunicato del papa nella sua traduzione LETTERALE. Confrontate i due testi e ditemi se non è scandaloso quello che ci propinano!

 

Il comunicato del Papa così come è stato riportato dalla stampa.

«Carissimi Fratelli, vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice». «Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio».

Quello che in realtà ha detto Benedetto XVI

«Carissimi, (alzandosi e battendo con il coltello sul bicchiere) un attimo de silenzio per favore… Se v’ho fatto venì qui oggi non è certo pe ‘sti tre stronzi. (applausi) Ve pare che ve facevò venì fino a qui pe i 3 martiri de Otranto? (applausi e risate in latino) Cioè me volete dì che ce sta qualcuno così cojone da essece cascato? (silenzio) Cioè… i martiri de Otranto? Manco sul calendario stanno… che lì c’avemo messo de tutto… certo che ve le bevete proprio tutte le (espressione latina non traducibile).

In realtà io oggi c’ho da divve’na cosa seria (risate) no no… che cazzo ve ridete? so’ serio! (risate convulse) Possibbile che non se po’ esse seri ‘na vorta? (risate e applausi e volo di alcune confezioni di grissini). Vabbè vaffanculo… Nun se po’ mai esse seri co voi eh? Insomma… Ieri alle 4 de matina stavo a casa dopo a festa de Bertone (fischio dalla sala) sì bella pe’ te Tarcì… ‘mo statte zitto però e famme parlà… Insomma ieri erano e 4 e me ne stavo davanti a o specchio e me dicevo “a Giusè, a Giusè… c’hai 85 anni, stai cotto de Splugen, c’hai i coriandoli in mezzo all’ascelle e i tacchi t’hanno sderenato i piedi … ma quanto poi annà avanti così? Qua va a finì che fai a fine der polacco” Ecco… io ieri, davanti a o specchio, ae 4 de matina, dopo a festa de bertone me so’ detto…me so’ detto che a fine der polacco io nun la vojo fa! (silenzio)

Mo però non ve la piate a male eh! Finché c’era da scherzà amò scherzato, e cazzate nostre l’avemo fatte e ce semo pure divertiti, specie io che me so’ reso conto d’avecce più cappelli de calzini. Ce volevano toglie er crocifisso da le scole (risate) ce volevano fa pagà l’IMU (applausi e risate) volevano fa sposà li froci (fischi e grida)… e che hanno fatto? (grida disarticolate)… l’altro giorno Tarcisio ai froci gl’ha detto che so’ disumani… chiaro e tondo… disumani, ma che volete de più? Avete sentito qualcuno dire A? Arzà la mano? protesta? Cioè… io ve sfido a trovà n’artro papa che ha fatto tanto, no, ve sfido, ditemelo! Nessuno! Voo dico io, nessuno… Solo che nn gliela faccio più, davero, sto a pezzi… posso mica andà avanti a Moment tutte le matine? Oh, niente de personale eh! non ve la pijate ammale adesso… o faccio per voi… dopotutto ve sarete pure rotti er cazzo de sentivve i kraftwerk pe colpa mia quando me pja l’ubriacatura molesta. Poi  pensate n’attimo a come ve se prospettava s’sto febbraio tra Sanremo e elezioni! Per non parlà della Roma, lasciamo perde, alzamo un velo pietoso, tre fischi pure dalla Sampdoria, lasciamo perde……

Mi dovreste ringrazià dopotutto. Mo ve fate sta buffonata der  Conclave come ai vecchi tempi, ‘na bella chiusa Open Bar come Dio comanda, tutto a sbafo. Volete stacce na settimana? Un mese ? Ma statece pure un anno dico io! Che cazzo ve frega? Paga Pantalone! (applausi) Poi quando uscite se annamo a fa na pizza ar biondo tevere come ‘na vorta e vaffanculo al mondo e a chi ce vo’ male! (applausi)»

Immagine