La cazzo di foto che ha commosso l’America.

Da qualche tempo convivo con una certezza. Non è quella di morire, perché sarebbe banale e poi ho deciso che quando sarò prossimo alla dipartita mi farò ibernare con le precise indicazioni di farmi scongelare quando sarà morto Andreotti. La mia certezza è di tipo diverso, è la certezza che ogni giorno, ogni singolo cazzo di giorno, aprendo Facebook, Twitter o la pagina di un qualsiasi quotidiano in rete, troverò almeno una foto che ha commosso l’America.

Già, perché potete stare sicuri che ogni giorno in America si piange per qualche cosa e state sicuri che questo qualche cosa può essere impresso su un cazzo di sensore elettronico, talvolta persino in formato video. Abbiamo avuto il cane tornato a casa dopo quindici anni, il soldato che ritorna dalla missione e riabbraccia il cane, il cane simbolo di occupy, il cane che veglia la tomba del padrone, il cane che accudisce il gatto, il gatto che tenta di rianimare un altro gatto, la tigre che accudisce i maialini travestiti da tigrotti, il bambino che scrive senza mani, la campionessa olimpica barbona che si laurea, il barbone che faceva lo speaker e che poi rifà lo speaker, il barbone che salva la vita a qualcuno in qualche tragedia, il poliziotto che dona le scarpe al barbone, il barbone che dopo una storia travagliata fa i provini a X Factor e si scopre che c’ha l’ugola dorata e allora tutti prima sono sconcertati, poi si alzano in piedi e poco dopo frignano come matti a pensare che quello che hanno davanti a loro era proprio un barbone e tutti si guardano come per dire “ma l’hai sentito er barbone che te fa? ma davvero state a dì? Cioè questo è barbone e canta così? Ma allora dovremmo ripensà un po’ tutto il modo de concepì sto monno infame no?”. Insomma si piange, inderogabilmente negli States si piange ogni giorno per qualsiasi minchiata.

Toglietevi dalla testa l’immagine del pellegrino con la bibbia in una mano e l’accetta nell’altra. È roba passata, è roba da intellettuale da Micromega, buttatela al cesso, non serve più. Sono finiti i tempi di Eisenhower, di Nixon, di Bush senior e figlio che si inventavano le peggio cazzate pur di rompere il culo a qualche arabo dall’altra parte del mondo. Finita è anche l’epoca dei marines tutti d’un pezzo e degli imprenditori sciacalli con gessato e sigaro ficcato in bocca che a calcioni nel culo ti licenziavano la vigilia di Natale. Oramai è tutto pianto, commozione, singhiozzi, lucciconi, abbracci e Kleenex. Piangono i marines di ritorno a casa quando ritrovano il loro compagno omosessuale, piange Oprah, piange J Lo, piangono i campioni della NFL, persino Obama, il comandante in capo di una nazione che da sola copre il 43% delle spese militari mondiali si fa un piantarello un giorno sì e uno no.

L’America è cambiata, si è rammollita. Persino gli imbustatori, quei disgraziati che in fondo alle casse dei supermercati ripongono i prodotti acquistati negli shopper, una casta da sempre disprezzata e sfruttata, persino loro osano alzare la cresta e ribellarsi. Dunque non meravigliatevi se ogni tanto a qualcuno parte la testa e decide di sparare sui bambini di qualche scuola. È la vecchia America che non vuole cedere, quella che ha bisogno di sangue, violenza, incontri di Wrestling che non siano sceneggiate in costume e presidenti col cappello da cow-boy e una mascella di cui fidarsi. É l’America che non si commuove, che non vuole commuoversi, quella che all’ennesimo pianto di qualche checca isterica alla tv, disatteso il suo bisogno quotidiano di violenza si fa portare gli stivali, una birra nazionale, imbraccia il fucile e la sua violenza va a prendersela da sé.

cry

4 commenti su “La cazzo di foto che ha commosso l’America.

  1. giovanni scrive:

    Da questa parte del mare invece c’è l’indignazione, ogni giorno moralistica indignazione a pioggia.
    Non so perché ma ho l’impressione che loro conservino un ottimismo stupido banale e ingenuo quanto vuoi ma preferibile alla scandalistica denuncia italiana da insopportabile superiorità morale.
    Scusa la punteggiatura, gli accenti, la sintassi e, gia che ci sono, d’aver commentato.🙂
    buone feste

  2. icalamari scrive:

    Ecco, ti sei innervosito perché mi sono rimangiata la parola data.😦
    E vabbé, buon Natale lo stesso…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...